FILCTEM

FEDERAZIONE ITALIANA LAVORATORI CHIMICA TESSILE ENERGIA MANIFATTURE

La Filctem riceve su appuntamento

Martedì dalle 17 alle 19

Contatti Tel. 049-8944211

Controllo Spisal e sequestro macchinari all'azienda O Bag di Campodarsego. Cgil: "Diventi occasione di riflessione"

18 Novembre 2021

Filctem Cgil e Cgil Padova: “Il controllo e il sequestro di macchinari avvenuto alla O Bag di Campodarsego ci impone una riflessione sul tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di come ad esse sia strettamente connessa la frequenza dei controlli preventivi”

“Nel 2019, più di un terzo delle aziende controllate dallo Spisal presentavano delle irregolarità. E con la pandemia, nel 2020, le cose non sono certo migliorate anche per la mancata assunzione di un numero sufficiente di Ispettori, promessa mai mantenuta dalla Regione”.

I recenti fatti relativi alla O Bag – l'azienda di Campodarsego cui ieri, durante un controllo dello Spisal, sono state riscontrate delle irregolarità – riporta in auge il tema della sicurezza sui luoghi di lavoro. Stando a quanto riporta la stampa, sono state sequestrate tre macchine per lo stampaggio, in quanto trovate prive dei dispositivi di sicurezza per la protezione degli arti superiori, e un forno ad aria calda posizionato vicino a del materiale infiammabile. Inoltre, sembra che i locali aziendali, fossero sprovvisti di impianti di aspirazione, necessari per l'eliminazione dei fumi da stampaggio a caldo.

“Come siamo soliti premettere – dicono Alberto Sanna della Filctem Cgil e Dario Verdicchio, componente della Segreteria Confederale della Camera del Lavoro padovana – quando si verificano situazioni simili, non possiamo che restare in attesa dell'esito delle indagini, prima di pronunciarci sul singolo caso. Quanto avvenuto, però, non può non indurci dal fare delle riflessioni sul tema della sicurezza e dei controlli e a come alla frequenza ed efficacia di questi sia strettamente connesso il numero di malattie professionali e incidenti, spesso mortali, nei luoghi di lavoro”.

“Sicuramente – proseguono i due sindacalisti della Cgil padovana – restiamo convinti che sulla sicurezza e salute dei lavoratori, sia il mondo imprenditoriale che politico, dovrebbero agire in modo più incisivo di quanto fatto fino ad ora e purtroppo le ultime dichiarazioni sul tema dei controlli fatte dal Ministro Brunetta sembrano andare in tutt'altra direzione e non ci rendono certo ottimisti. Parole, le sue, che fanno a pugni con la realtà dei numeri sull’utilità dei controlli sulle imprese. Solo per fare un esempio: nel 2019, oltre un terzo delle aziende ispezionate dallo Spisal, sono state sanzionate. Il 26,3% in edilizia, il 36,2% in agricoltura e ben il 51,6% negli altri settori, vuol dire soprattutto quello manifatturiero e commerciale. In media significa, il 33,8%. Altro che inutilità dei controlli!”

“E si tratta di dati del 2019 – rincarano Sanna e Verdicchio – ossia, prima della pandemia che da quando è esplosa ha impegnato il già scarso organico dello Spisal nell’attività di tracciamento del contagio da Covid19. Non ci stancheremo mai di ricordare che nel Piano strategico per la sicurezza nei luoghi di lavoro sottoscritto da Zaia e Regione Veneto nel 2018, era stata prevista l’assunzione di nuovi ispettori che, in effetti, sono stati poi assunti ma in numero assolutamente insufficiente, riuscendo a malapena a sostituire quelli usciti per effetto del turn over con il risultato di disattendere, nei fatti, lo stesso Piano strategico”.

“La verità – concludono Alberto Sanna e Dario Verdicchio – è che le aziende per restare competitive sul mercato sono disposte a tagliare tutti quei costi non direttamente legati ad un profitto, e tra questi c'è senza dubbio la sicurezza. Pensare che un fantomatico mercato sia in grado di autoregolarsi su questo terreno in nome di un patto etico tra imprese significa non capire in che mondo viviamo e, conseguentemente, spiega perché il numero di malattie professionali, infortuni e morti sul lavoro non accenni a diminuire. Da parte nostra, non possiamo che rimarcare il nostro impegno a denunciare qualsiasi irregolarità nei luoghi di lavoro, convinti debba essere un dovere morale di tutti, non solo nostro, se si vuole porre una fine alla tragedia quotidiana delle morti sul lavoro”.

SEGRETERIA FILCTEM PADOVA

  • Luca Rainato
    Segretario generale
  • Barbara Schiavo
    Segretaria provinciale
  • Odette Mbuy
    Segretaria provinciale
  • Valter Bettio
    Segretario provinciale
  • Alberto Sanna
    Funzionario
  • Manuela De Paolis
    Funzionario

FILCTEM NAZIONALE


18 Novembre 2021

Controllo Spisal e sequestro macchinari all'azienda O Bag di Campodarsego. Cgil: "Diventi occasione di riflessione"

Filctem Cgil e Cgil Padova: “Il controllo e il sequestro di macchinari avvenuto alla O Bag di Campodarsego ci impone una riflessione sul tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di come ad esse sia strettamente connessa la frequenza dei controlli preventivi” “Nel 2019, più di un terz...
21 Ottobre 2021

Sciopero ad oltranza alla Magicoral srl di Albignasego

Filt e Filctem Cgil Padova: “La Magicoral srl di Albignasego ha deciso di esternalizzare l'attività di due magazzini lasciando a casa 5 lavoratori e 4 lavoratrici. Ieri, dopo l'incontro con i vertici dell'azienda, ritenute irricevibili le proposte ricevute, i lavoratori hanno deciso per lo sciope...
27 Agosto 2021

Furti alla Plissè di Piombino Dese. La Filctem Cgil smentisce categoricamente quanto uscito sulla stampa locale

Filctem Cgil Padova: “Gli articoli usciti sulla stampa locale relativi ai presunti furti che vedono coinvolti tre dipendenti della Plissè sono pieni di inesattezze e ledono fortemente la loro dignità dando per assodata la loro colpevolezza, cosa tutt'altro che vera” “Resti agli atti: non hanno m...
27 Giugno 2021

Licenziati tre lavoratori della Plissè spa di Piombino Dese. La Filctem Cgil Padova vuole vederci chiaro

Filctem Cgil Padova: “Ci riempie di perplessità la vicenda che vede coinvolti due lavoratrici e un lavoratore licenziati con la non ben chiara accusa di aver truffato l'azienda e quindi di essere venuto meno il rapporto di fiducia: una vicenda dai contorni poco chiari su cui desideriamo fare chia...

FILCTEM

La Federazione Italiana Lavoratori Chimica Tessile Energia e Manifatture, FILCTEM CGIL, costituitasi al congresso di Pesaro il 9 aprile del 2010, opera in importanti comparti dell'industria e dell'artigianato (chimico-farmaceutico, tessile- abbigliamento e calzaturiero, gomma plastica, vetro, concia e pelli, ceramica e piastrelle, occhiali, lavanderie industriali, lampade e display), dell'energia (petrolio, trasporto gas, miniere) e dei servizi ad alta rilevanza tecnologica (elettricità, acqua, gas).

Lo scenario che la FILCTEM CGIL ha di fronte ormai è chiaro e la sfida del cambiamento va raccolta. L'industria italiana della chimica, del tessile, dell'energia, delle manifatture opera ormai in un regime di contesa permanente per conquistare e/o consolidare quote di mercato e posizioni competitive.

Da qui, l’impegno della CGIL, in Italia e in Europa, e della Federazione nel promuovere una vera e propria politica industriale integrata nei confronti del Governo e delle imprese su innovazione di processo e di prodotto, per puntare su maggiore efficienza energetica, tutela ambientale, eccellenza qualitativa del “made in Italy”, tracciabilità, ricerca, formazione e integrazione di filiere: elementi, questi, tutti indispensabili per affermarsi nella competizione internazionale, valorizzare e difendere il lavoro, l'occupazione, il merito, la professionalità.

Più di 232.000 iscritti, una tradizione unitaria storicamente consolidata nella Filcem e nella Filtea, 31 contratti nazionali di lavoro che si rivolgono ad una platea di oltre 1.500.000 lavoratrici e lavoratori, un'organizzazione “a rete” su tutto il territorio nazionale che si articola nelle sue sedi regionali e territoriali con migliaia di Comitati degli iscritti, RSU e RLS in quasi tutte le imprese.

Otto i fondi di previdenza complementare (oltre 430.000 gli iscritti associati al 31 dicembre 2012) nei quali la Filctem è fonte istitutiva: Fonchim (chimici, farmaceutici), Previmoda (tessili, abbigliamento), Fopen (Enel e altre società elettriche), Fiprem (gruppo Montedison), Pegaso (imprese elettriche e gas-acqua degli Enti locali), Fondenergia (Eni, petrolio, aziende private del gas), Foncer (piastrelle, ceramica, refrattari), Fondogommaplastica (cavi elettrici, plastica, gomma).

Inoltre sono presenti due fondi intercategoriali: Fon.te (che ha recentemente acquisito gli artigiani chimici, ceramica, tessili ex Artifond) e Fondapi (settori Confapi), oltre a Cooperlavoro (cooperative e dipendenti Cgil).

Tre i fondi integrativi sanitari attualmente presenti che, sempre al 31 dicembre 2012, assistono più di 320.000 tra lavoratori in servizio, le loro famiglie, i pensionati: Faschim (per i lavoratori chimici, farmaceutici e affini), Fisde (per i lavoratori Enel e altre società elettriche), Fasie (energia e petrolio, gas-acqua).

Operativo dal 1 febbraio 2013 anche San.Arti, il fondo intercategoriale artigiani (nel nostro caso, aree chimica e tessile).

Due, infine, le esperienze presenti di associazioni sociali e assistenziali: l'Arca (Gruppo Enel) e il Fasen (Gruppo Eni) che, insieme, sfiorano i 90.000 assistiti diretti.

La FILCTEM, tramite la Cgil, è affiliata alla Confederazione Internazionale dei Sindacati (ITUC–CSI), alla Confederazione Europea dei Sindacati (CES) e a due delle sue federazioni più rappresentative: Epsu (servizi pubblici), IndustriAll – European Trade Union (industria e manifatture) in Europa, rispettivamente Isp e IndustriAll – Global Union a livello internazionale.

Via Longhin, 117 Padova Tel. 049-8944211 - Fax 049-8944213 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. PEC : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per il Caaf chiamare il Centro Unico di Prenotazione tel. 0497808208


© All rights reserved. Powered by Cybcom.

Torna all'inizio