FILCTEM

FEDERAZIONE ITALIANA LAVORATORI CHIMICA TESSILE ENERGIA MANIFATTURE

La Filctem riceve su appuntamento

Martedì dalle 17 alle 19

Contatti Tel. 049-8944211

Isoclima spa di Este: mancato rispetto degli accordi. I lavoratori sul piede di guerra

13 Luglio 2022

Luca Rainato, Filctem Cgil Padova: “Stato di agitazione alla Isoclima Spa di Este: il mancato rispetto degli accordi riguardanti il versamento del premio di produzione e dello stipendio, previsto lo scorso 8 luglio, rischia di minare seriamente le relazioni sindacali con l’azienda. Pretendiamo un chiarimento immediato”

“Anche la discussione sui livelli di inquadramento dei dipendenti, arrivata ad un punto morto, va ripresa perché se non verrà risolta ci saranno ulteriori divisioni e malumori. La professionalità va riconosciuta: non possono chiedere ai dipendenti di saper fare tutto, salvo poi considerarli un niente quando si tratta di pagarli!”

 

“Arrabbiati è poco. Sono letteralmente furenti e i primi a pagarne le conseguenze sono state le nostre RSU (Rappresentanze Sindacali Unitarie) che sono state letteralmente tempestate di telefonate e messaggi colme di improperi e insulti da parte della stragrande maggioranza dei lavoratori che l’8 luglio, contrariamente ai patti, non si sono visti recapitare lo stipendio, il premio di produzione concordato e i buoni pasto e carburante. Inoltre, accanto a questo, c’è tutta la discussione sugli inquadramenti dei lavoratori ormai arrivata ad un punto morto e che non ci soddisfa per niente. Insomma, la misura è colma: all’Isoclima spa di Este devono imparare a rispettare la parola data e per questo motivo da ieri è partito lo stato di agitazione con blocco dello straordinario ad oltranza fino a quando l’azienda non convocherà le organizzazioni sindacali per un chiarimento su quanto avvenuto e per delle aperture concrete che sblocchi la situazione sugli inquadramenti”.

È arrabbiato pure il Segretario Generale della Filctem Cgil Padova, Luca Rainato, dopo quanto successo alla Isoclima spa di Este, azienda specializzata nella produzione di vetri blindati per tutti i settori, quest’ultimo fine settimana. Ma facciamo un passo indietro: che cosa è successo?

“Lo scorso 16 giugno – racconta Rainato – ci è stato comunicato che per esigenze aziendali legate all’ottimizzazione dei cedolini, il premio 100 ore (un premio di produzione concordato con un accordo di secondo livello) anziché venir pagato il 1° luglio, come era consuetudine, veniva erogato in un unico cedolino il 10 luglio insieme alla mensilità di giugno. Questi sono tempi difficili, i lavoratori hanno le proprie scadenze familiari, ci contavano su quel denaro e visto anche lo scarso preavviso con cui hanno ricevuto la comunicazione, hanno proposto che venisse almeno fatto un anticipo (insieme a buoni pasto e carburante) per venerdì 8 luglio. L’azienda, contrariamente a quel che si aspettavano, invece l’8 luglio non ha versato, alla stragrande maggioranza dei lavoratori, e sono centinaia, né lo stipendio, né il premio 100 ore, né i buoni pasto. E a quel punto i lavoratori sono letteralmente esplosi”.

“I più arrabbiati di tutti – prosegue il Segretario Generale della Filctem Cgil Padova – sono proprio i Rappresentanti Sindacali Unitari che sono nell’ingrata posizione di chi si trova tra l’incudine e il martello, ossia tra i dirigenti della Isoclima e i lavoratori per conto dei quali avevano trattato. Inutile dire che essendo lavoratori anche loro, la mancanza del rispetto degli accordi li ha colpiti in pieno come tutti ma per il ruolo che rivestono sono stati naturalmente investiti dalla rabbia, comprensibile, del resto dei dipendenti. Si sono sentiti presi in giro e hanno ragione e quanto successo ha inevitabilmente intaccato la fiducia dei lavoratori non solo verso la dirigenza, ma anche nei confronti delle stesse relazioni sindacali dal momento che vengono fortemente messe in crisi dalla mancanza di lealtà da parte dell’azienda”.

“Accanto a questo – conclude Rainato – dal mese di giugno, come sindacato, abbiamo intrapreso una discussione con la direzione del personale sulla verifica dei livelli di inquadramento dei lavoratori, sostanzialmente fermi da anni e per niente adeguati alle nuove figure professionali dell’Industria 4.0, caratterizzate da un’alta polivalenza e polifunzionalità che li rende adattabili e interscambiabili nei vari reparti della produzione. Oggi viene richiesta una particolare professionalità che però poi, a livello economico, non viene riconosciuta perché, purtroppo, in questo senso la trattativa è giunta ad un punto morto. Ed è ingiusto perché sostanzialmente per farti lavorare ti chiedono di saper fare tutto, salvo poi, quando si tratta di pagare, considerarti un niente”.

SEGRETERIA FILCTEM PADOVA

  • Luca Rainato
    Segretario generale
  • Barbara Schiavo
    Segretaria provinciale
  • Odette Mbuy
    Segretaria provinciale
  • Valter Bettio
    Segretario provinciale
  • Alberto Sanna
    Funzionario
  • Manuela De Paolis
    Funzionario

FILCTEM NAZIONALE


13 Luglio 2022

Isoclima spa di Este: mancato rispetto degli accordi. I lavoratori sul piede di guerra

Luca Rainato, Filctem Cgil Padova: “Stato di agitazione alla Isoclima Spa di Este: il mancato rispetto degli accordi riguardanti il versamento del premio di produzione e dello stipendio, previsto lo scorso 8 luglio, rischia di minare seriamente le relazioni sindacali con l’azienda. Pretendiamo un...
21 Giugno 2022

Elezioni a ETRA delle RSU del personale dei settori Acqua e Gas: la vittoria della Filctem Cgil

Filctem Cgil: “Un ottimo risultato. Una vittoria sul filo di lana che conferma una crescita del nostro sindacato in un settore strategico a cui saranno destinati importanti risorse dal Pnnr” “Ora avanti con l’accordo di secondo livello sul lavoro agile”   “Un risultato inaspettato! Seppure fos...
15 Aprile 2022

"ARD Raccanello Spa. Raggiunto un ottimo accordo di secondo livello". La soddisfazione di Filctem Cgil e Femca Cisl

Non solo crisi: il caso dell’Ard Raccanello Spa che premia i propri lavoratori Filctem Cgil Padova e Femca Cisl Padova e Rovigo: “L’azienda ha recepito le nostre richieste di ridistribuire ai propri collaboratori una parte degli ottimi risultati raggiunti nel 2021, aumentando il premio di risult...
18 Novembre 2021

Controllo Spisal e sequestro macchinari all'azienda O Bag di Campodarsego. Cgil: "Diventi occasione di riflessione"

Filctem Cgil e Cgil Padova: “Il controllo e il sequestro di macchinari avvenuto alla O Bag di Campodarsego ci impone una riflessione sul tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di come ad esse sia strettamente connessa la frequenza dei controlli preventivi” “Nel 2019, più di un terz...

FILCTEM

La Federazione Italiana Lavoratori Chimica Tessile Energia e Manifatture, FILCTEM CGIL, costituitasi al congresso di Pesaro il 9 aprile del 2010, opera in importanti comparti dell'industria e dell'artigianato (chimico-farmaceutico, tessile- abbigliamento e calzaturiero, gomma plastica, vetro, concia e pelli, ceramica e piastrelle, occhiali, lavanderie industriali, lampade e display), dell'energia (petrolio, trasporto gas, miniere) e dei servizi ad alta rilevanza tecnologica (elettricità, acqua, gas).

Lo scenario che la FILCTEM CGIL ha di fronte ormai è chiaro e la sfida del cambiamento va raccolta. L'industria italiana della chimica, del tessile, dell'energia, delle manifatture opera ormai in un regime di contesa permanente per conquistare e/o consolidare quote di mercato e posizioni competitive.

Da qui, l’impegno della CGIL, in Italia e in Europa, e della Federazione nel promuovere una vera e propria politica industriale integrata nei confronti del Governo e delle imprese su innovazione di processo e di prodotto, per puntare su maggiore efficienza energetica, tutela ambientale, eccellenza qualitativa del “made in Italy”, tracciabilità, ricerca, formazione e integrazione di filiere: elementi, questi, tutti indispensabili per affermarsi nella competizione internazionale, valorizzare e difendere il lavoro, l'occupazione, il merito, la professionalità.

Più di 232.000 iscritti, una tradizione unitaria storicamente consolidata nella Filcem e nella Filtea, 31 contratti nazionali di lavoro che si rivolgono ad una platea di oltre 1.500.000 lavoratrici e lavoratori, un'organizzazione “a rete” su tutto il territorio nazionale che si articola nelle sue sedi regionali e territoriali con migliaia di Comitati degli iscritti, RSU e RLS in quasi tutte le imprese.

Otto i fondi di previdenza complementare (oltre 430.000 gli iscritti associati al 31 dicembre 2012) nei quali la Filctem è fonte istitutiva: Fonchim (chimici, farmaceutici), Previmoda (tessili, abbigliamento), Fopen (Enel e altre società elettriche), Fiprem (gruppo Montedison), Pegaso (imprese elettriche e gas-acqua degli Enti locali), Fondenergia (Eni, petrolio, aziende private del gas), Foncer (piastrelle, ceramica, refrattari), Fondogommaplastica (cavi elettrici, plastica, gomma).

Inoltre sono presenti due fondi intercategoriali: Fon.te (che ha recentemente acquisito gli artigiani chimici, ceramica, tessili ex Artifond) e Fondapi (settori Confapi), oltre a Cooperlavoro (cooperative e dipendenti Cgil).

Tre i fondi integrativi sanitari attualmente presenti che, sempre al 31 dicembre 2012, assistono più di 320.000 tra lavoratori in servizio, le loro famiglie, i pensionati: Faschim (per i lavoratori chimici, farmaceutici e affini), Fisde (per i lavoratori Enel e altre società elettriche), Fasie (energia e petrolio, gas-acqua).

Operativo dal 1 febbraio 2013 anche San.Arti, il fondo intercategoriale artigiani (nel nostro caso, aree chimica e tessile).

Due, infine, le esperienze presenti di associazioni sociali e assistenziali: l'Arca (Gruppo Enel) e il Fasen (Gruppo Eni) che, insieme, sfiorano i 90.000 assistiti diretti.

La FILCTEM, tramite la Cgil, è affiliata alla Confederazione Internazionale dei Sindacati (ITUC–CSI), alla Confederazione Europea dei Sindacati (CES) e a due delle sue federazioni più rappresentative: Epsu (servizi pubblici), IndustriAll – European Trade Union (industria e manifatture) in Europa, rispettivamente Isp e IndustriAll – Global Union a livello internazionale.

Via Longhin, 117 Padova Tel. 049-8944211 - Fax 049-8944213 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. PEC : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per il Caaf chiamare il Centro Unico di Prenotazione tel. 0497808208


© All rights reserved. Powered by Cybcom.

Torna all'inizio