FILLEA

FEDERAZIONE ITALIANA LAVORATORI LEGNO EDILI E AFFINI

La FILLEA riceve su appuntamento

Martedì e Venerdì dalle 17 alle 19

Tel. 049-8944211

Ennesima morte di un lavoratore edile in Provincia di Padova. Fillea Cgil, Filca Cisl e Fenea Uil: “Non si parli di fatalità!”

12 Luglio 2022

Ieri, Mirco Bottacin, lavoratore edile di 55 anni residente a Trebaseleghe è morto, vittima dell'ennesimo incidente sul lavoro, in un cantiere edile sito in una frazione del Comune di Massanzago. Il comunicato unitario rilasciato dalle Segreterie territoriali di Fillea Cgil Padova, Filca Cisl Padova e Rovigo e Feneal Uil,- Area Vasto Veneto Padova e Rovigo dopo aver appreso della tragedia.

“Dopo aver appreso la notizia dell’ennesimo incidente mortale successo stamane ad un lavoratore edile in Provincia di Padova, in una frazione del Comune di Massanzago, come Fillea Cgil Padova, Filca Cisl Padova e Rovigo e Fenea Uil – Area Vasta Veneto Pd-Ro – cioè le categorie che rappresentano, tra gli altri, anche i lavoratori edili – ci siamo immediatamente confrontati e davanti a questa tragedia e ci siamo detti che non basta più essere addolorati o rattristati per quanto accaduto. E questo, perché dopo aver appreso le prime scarne ricostruzioni dell’incidente – ossia la vittima è rimasta travolta da un carico sospeso improvvisamente precipitato da una gru – l’altro sentimento che abbiamo provato è stato quello della rabbia perché si tratta dell’ennesimo incidente evitabile costato la vita ad un lavoratore.

Chiunque abbia esperienza lavorativa, a maggior ragione e soprattutto nei cantieri edili, sa che il rischio d’incidente è sempre dietro l’angolo. La casistica è infinita e davvero la fatalità può capitare in ogni momento, anche per una semplice disattenzione, un banalissimo caso. Se ci aggiungiamo anche la possibilità di avere incidenti in itinere, ossia recandosi o uscendo dal luogo di lavoro, ci rendiamo conto che è sostanzialmente impossibile avere il controllo di tutto quel che può accadere. Insomma: la fatalità può succedere. Ma quando si muore e si muore perché non si seguono le misure preventive da adottare durante le varie situazioni lavorative, come per esempio a quelle relative al trasporto in quota di carichi sospesi, allora non possiamo più parlare di fatalità ma della solita criminale sottovalutazione del rischio che è invece la vera causa di tante tragedie. Una martellata su un dito è una fatalità, non certo morire travolti da un carico staccatosi (e sarà bene capirne le cause) da una gru.  

Quanto successo oggi ci dice tre cose: la prima è che non è accettabile un sistema che dia per scontata l’eventualità che si esca di casa per andare al lavoro e che si possa non farne ritorno. E questo accade troppo spesso ai lavoratori del settore edile, purtroppo i soggetti più esposti a incidenti gravi e troppo spesso anche mortali. Eppure si tratta di un settore dove la forte bilateralità è elemento di controllo e dove i CPT (Comitati Paritetici Territoriali) sono l’ente preposto ai controlli sulla sicurezza dei cantieri. Si tratta di un settore dove la stragrande maggioranza delle imprese ha meno di cinque dipendenti, dove il titolare, spesso, lavora fianco a fianco ai propri dipendenti e non è raro che cada anch’egli in un infortunio sul lavoro. E purtroppo come Fillea Cgil di Padova, Filca Cisl di Padova e Rovigo e Feneal Uil Area vasta Veneto Padova e Rovigo, non possiamo non registrare che gli incidenti aumentano ogni qualvolta vi sia una ripresa dell'attività lavorativa, determinando la triste equazione “più cantieri uguale a più morti”.

La seconda riflessione che ci impone quel che è successo riguarda quanto si debba ancora investire per evitare gli infortuni, per intensificare i controlli e per applicare le sanzioni a chi non rispetta le norme di sicurezza. Perché le norme esistono, ma se nessuno controlla che vengano applicate, allora rischiano di essere inutili. 

E infine, questa morte, ci dice anche di come sia necessaria una reale consapevolezza sull’importanza basilare di quel che viene spiegato nei corsi di formazione, troppo spesso, purtroppo, intesi come degli obblighi burocratici da assolvere invece che come esperienze dove apprendere quei principi che devono diventare bagaglio permanente nella propria vita da lavoratore e che, se seguiti, salvano la vita”.  

 

Luca Finotti FENEAL – Uil Area Vasta Veneto
Giorgio Roman FILCA – CISL PD/RO
Gianluca Badoer  FILLEA – CGIL PD

 

Il Servizio di Telenordest con gli interventi di Gianluca Badoer, Segretario Generale Fillea Cgil Padova e Lino Coniglio della Filca Cisl Pd-Ro

SEGRETERIA FILLEA PADOVA

  • Gianluca Badoer
    Segretario generale
  • Francesco Campa
    Segretario provinciale
  • Massimo Pomaro
    Funzionario
  • Simone Ferraretto
    Funzionario
  • Valeria Viola
    Apparato tecnico

FILLEA NAZIONALE



FILLEA

Organizza i lavoratori dei rami produttivi: edilizia e affini, legno-arredo, materiali da costruzione (cemento, calce e gesso, laterizi, manufatti in cemento), lapidei ed estrattivi, restauro ed archeologia, particolari lavorazioni del legno (costruzione palchi, allestimenti e cartelli pubblicitari, interni camper, interni nautica, ecc).

 La Federazione Italiana dei Lavoratori del Legno, dell' Edilizia, delle industrie Affini ed estrattive (F.I.L.L.E.A.) è un'organizzazione sindacale che promuove la libera associazione e l'autotutela solidale e collettiva delle lavoratrici e dei lavoratori seguenti settori e comparti produttivi: edilizia e affini, legno e arredamento; materiali da costruzione: cemento, calce e gesso, laterizi, manufatti in cemento; lapidei ed estrattivi. La Fillea aderisce alla Cgil, fa parte della Federazione europea dei lavoratori edili e del legno (FETBB), che a sua volta aderisce alla Confederazione europea dei sindacati (CES), della Federazione internazionale dei lavoratori dell'edilizia e del legno (FITBB).

Via Longhin, 117 Padova Tel. 049-8944211 - Fax 049-8944213 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. PEC : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per il Caaf chiamare il Centro Unico di Prenotazione tel. 0497808208


© All rights reserved. Powered by Cybcom.

Torna all'inizio