NIDIL

SINDACATO LAVORATORI ATIPICI

Il NIdiL riceve su appuntamento telefonando al funzionario

 Tel. 3486934106

Oggi, venerdì 30 ottobre, sciopero nazionale dei rider

30 Ottobre 2020

Cgil Cisl e Uil: "Totale sostegno e appoggio alla battaglia dei Rider per il riconoscimento dei loro diritti e contro il Contratto pirata, firmato da AssoDelivery e Ugl, che li condanna ad una condizione di sfruttamento legalizzata"

"Il contratto siglato tra AssoDelivery e Ugl è illegittimo. Punto. E lo dimostreremo in ogni sede". Sono categorici i rappresentanti delle Segreterie Padovane di Cgil Cisl e Uil, Gloria Berton, Francesca Pizzo e Riccardo dal Lago nel condannare il nuovo contratto (imposto ai lavoratori che dovranno firmarlo entro il prossimo 3 novembre pena l'esclusione dall'accesso alle piattaforme che regolano le loro consegne) firmato ancora lo scorso 15 settembre tra AssoDelivery, l'associazione che rappresenta le piattaforme digitali (APP) della consegna del cibo a domicilio Deliveroo, Glovo, Just Eat, Social Food e Uber Eats.

"Si tratta palesemente di un contratto pirata – rincarano Berton, Pizzo e Dal Lago – e la prova più evidente è che è osteggiato da tutti i Rider, in tutto il territorio nazionale. Noi, quando sigliamo un accordo, lo sottoponiamo al giudizio dei lavoratori e se emerge che la maggioranza di loro lo rifiuta, ricominciamo a trattare. In questo caso non è neanche la maggioranza dei Rider ad essere contraria, è la totalità dei Rider a rifiutare questo Contratto. E questo perché cristallizza la loro condizione di precarietà e insicurezza a partire dal fatto di continuare a considerarli come lavoratori autonomi, invece che subordinati come è nella realtà".

"Con questo contratto – proseguono i tre sindacalisti – si fa una finta operazione di miglioramento delle condizioni di lavoro dei rider, ma non serve essere dei giuristi del lavoro per capire che il testo riconduce ancora la retribuzione al cottimo, ossia al numero di consegne e non all'orario di lavoro. Addirittura, sempre dal numero delle consegne fatte dipende la fornitura di caschi e indumenti di sicurezza, mentre spetta sempre alle lavoratrici e lavoratori pensare ai dispositivi di protezione individuale, ossia arrangiarsi davanti alla pandemia. Nessuna retribuzione per malattia, tredicesima, ferie e maternità ma con la possibilità di venire licenziati quando si raggiunge il tetto retributivo massimo per le collaborazioni occasionali (5 mila euro/anno)”.

"Finire a fare il Rider – concludono Gloria Berton, Francesca Pizzo e Riccardo Dal Lago – è più facile di quel che si è portati a credere. In Italia erano circa 20 mila fino a prima dell'inizio dell'epidemia, ma con l'esplodere di questa siamo almeno a 30 mila, vale a dire che è diventato un lavoro che raccoglie chi ne ha perso uno e non ne trova un altro. E adesso con il deflagrare della seconda ondata, temiamo possano diventare ancora di più. Non si può lasciarli soli nella loro condizione di sfruttamento. Sappiano che noi ci siamo: nei prossimi giorni andremo nei punti della città dove stazionano per volantinare allo scopo di informarli e dare loro un punto di riferimento per contrastare questo contratto che li colloca nella fascia dei lavoratori sfruttati e privi di tutele". inevitabile abbassamento della qualità delle prestazioni a loro dedicate".

SEGRETERIA NIDIL PADOVA

  • Andrea Caretti
    Segretario generale

NIDIL NAZIONALE


NIDIL

Lavoratori senza tutela e protezioni sociali (collaboratori, consulenti, lavoratori interinali)

e' una sruttura sindacale che nasce nel 1998 dall'esigenza della Cgil di dare voce e rappresentanza a chi lavora senza tutela e senza una rete di protezioni.sociali: collaboratori, consulenti, lavoratori interinali…

NIdiL CGIL (Nuove Identità di Lavoro) è la struttura sindacale della CGIL che rappresenta dal 1998 i lavoratori in somministrazione (ex interinali) ed i lavoratori atipici.

NIdiL è firmataria del CCNL dei lavoratori in somministrazione (ex interinali), contratto che dà diritti e tutele ai lavoratori dipendenti delle agenzie per il lavoro e che prestano la loro attività presso aziende utilizzatrici.

NIdiL combatte, per gli atipici, l'utilizzo improprio dei contratti di lavoro parasubordinato (co.co.pro., collaborazioni occasionali, mini co.co.co., partite iva individuali, associazioni in partecipazione, cessione di diritti d'autore, ecc.). Tali contratti sono spesso utilizzati dai datori di lavoro al posto del lavoro dipendente tradizionale, perché costano meno e rendono i lavoratori maggiormente ricattabili anche a causa delle frequenti scadenze dei contratti stessi.

NIdiL contratta inoltre diritti e tutele adeguate quando i contratti sono usati in modo proprio e/o rispondono a chiare scelte del lavoratore.

Via Longhin, 117 Padova Tel. 049-8944211 - Fax 049-8944213 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. PEC : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per il Caaf chiamare il Centro Unico di Prenotazione tel. 0497808208


© All rights reserved. Powered by Cybcom.

Torna all'inizio